Personale

La performance di Susan Boyle in “Britain’s got talent” sottotitolata in italiano (anche la canzone)

Chi è Susan Boyle? E’ una matura signora quarantasettenne che vive sola col suo gatto dopo la morte della madre novantunenne in un paesino della Scozia. Canta ogni domenica in chiesa, sa di non essere nè bella nè giovane come lo “star system” vorrebbe.
Ma, soprattutto, Susan illustra alla perfezione quello che ogni credente dovrebbe essere. Dio ha messo in noi l’oro, ma il mondo l’ha coperto con uno strato di pochi centimetri di terra; su quella terra molti coltivano patate, credendo che quello sia il proposito per la loro vita. Ma Dio non vuole patate, ma l’oro che ha messo in noi.
Susan, incurante di come la vede il mondo, sa che sotto i pochi centimetri di terra che la fanno apparire goffa e non attraente esiste quella miniera, e non si rassegna a tenerla nascosta.
Non so se Susan sia realmente credente, o se frequenti solo la sua chiesa come abitudine, ma mi piace di prenderla ad illustrazione di come:
1) Dio non ci veda con gli occhi del mondo: per Lui ognuno di noi vale
2) Dio ha dato a ciascuno dei talenti che vuole usiamo
3) Dio ci da dei sogni delle ambizioni, dei propositi
4) e si aspetta che noi le inseguiamo, nonostante gli anni, la forma, o come il mondo ci vede.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: