Personale

~ La Pasqua ~

Per chi ci crede, la Pasqua è la commemorazione della Resurrezione di Gesù Cristo, figura mitologica divinizzata.
Nella tradizione cristiana Cristo viene identificato con l’agnello, vittima sacrificale, della Pasqua ebraica.

Così come gli ebrei celebravano con la Pasqua il passaggio (dell’Angelo sterminatore) anche per i cristiani la Pasqua rappresenta il passaggio di Cristo dalla vita mortale, in quanto uomo, a quella immortale, in quanto figlio di Dio.

Dopo la sua Resurrezione, l’evento venne commemorato dagli apostoli e dai fedeli ogni 8 giorni, mentre in età più tarda la commemorazione del giorno di resurrezione divenne annuale.

La condanna e la crocifissione di Cristo avvennero durante la Pasqua ebraica, ma sulla data delle celebrazioni non si raggiunse facilmente un accordo: in Oriente, seguendo San Giovanni e San Paolo la celebrazione avveniva il giorno della morte di Gesù Cristo, il 14 del mese di Nisan , mentre in Occidente si preferiva commemorare l’evento riferendosi al plenilunio di Primavera.
I primi Padri della chiesa commemorarono la Pasqua in concomitanza con il giorno della Passione e della morte di Cristo, mentre in età più tarda, nel III° secolo, San Cipriano condusse a commemorare non solo la morte, con mestizia, ma a ricordare come vero e proprio passaggio (Pasqua) il giorno della Resurrezione, e a festeggiare non già con tristezza, ma con gioia questo giorno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: