Personale

Ciao Fratello Mio…

Ciao Fratello,

per molti sei Paolo Rito Russo,

un nome conosciuto da tanti anime,

io mi unisco a loro,
ma con la consapevolezza,
che nessuno più di me,
potrà mai conoscerti,

Sei il mio gemello,
il mio docente di informatica
per tante cose…

Seduto su pensieri adulti,
io credo fortemente in Dio,

nessuno può capirti,
io credo di si però..

Scusa la poca modestia,
l’imbarazzo di un momento,
e le tante cose belle che in privato,
gli occhi miei osservano di continuo..

Vite non tanto diverse le nostre,
forme di gestione di una vita come meglio si possa,
comunque e sempre seguendo il rispetto dei valori.

Perché ti scrivo?

Semplice Paolo…

In questo momento,
sono le 23:00 di un venerdì di aprile,
e io ti sto pensando tanto…

Rivivo giorni di 5 anni fa,
che hanno preceduto,
ciò che tu ti appresterai a fare…

Io non lo so se con la stessa leggerezza,
ma sono certo con molta più paura,
che credimi il tempo calmerà,
con fogli di carta più adatta al tuo scrivere,

o meglio vivere…

Non riuscivo a tenermi dentro l’emozione,
di quello che sarà da stasera a Domenica,
complice un po’ di malinconia,
sai qui tutto è silenzio…

Ma so che mi conosci,
e se scrivo,
è perché il momento,
non è più simbolico,

ma qualcosa mi scuote,

Il tuo Matrimonio,
non  sarà un evento semplice,
come bere un bicchier d’acqua…

Quindi ho bisogno di scriverti,
anche per esternare fesserie magari,
di un poeta bistrattato…

Ho visioni di vita,
il cui unico padre è la mia anima,
che non mi lascerà mai indifferente,
nei momenti miei.

Spero di non essere banale,
di non essere troppo serio,
non mi chiedere nulla oltre quello che provo,
io non riesco a concepire oltre quello che è la realtà…

il motivo per cui,
vivere abbia senso vero….

Ho di nuovo preso a scrivere di getto,
è una forma d’arte che di rado,
espongo in frasi…

Ho appreso che il silenzio dell’osservazione è oro,
e non ho difese migliori della parola data,
e quanto della vita ho capito,
ti dico Paolo.

Una parola data conta se mantenuta,
molto più di tanti soldi mai avuti..

Ho avuto amicizie ripagate per una parola data,
questo per me è stato l’insegnamento più bello,
dopo quello dell’onestà…

Quanti dolori abbiamo superato
e a volte subito,
eppure siamo qui,
nel bene e nel male
io ho avuto e avrò nel silenzio
di un inverno perenne
sempre bisogno di te…

Ho capito,
cosa significa,
arrivare alla soglia delle morte,
e ritornare…

Oggi ho maturato quei momenti miracolosi,
e la vita l’ho concepita più con calma,
e fallo anche tu….

Per Te e per la tua futura Moglie,
la tua  promessa sposa,
io voglio augurarvi ciò che il cielo
abbia da darvi,
di più caloroso,
che vegli sempre su di voi la Madonna,
nei  momenti belli,
ma soprattutto nei momenti difficili,
e che le aurore siano gli angeli del vostro cammino…

Io mi reputo solo un anima piccola piccola,
che ha avuto il privilegio
di essere gemello di un angelo
che forse ha capito un po’ di me….

Auguri Paolo, Auguri Ewelina,

Sono e sarò sempre al vostro fianco,
e credimi in tante cose lo sei stato tu per me…

Quando ero li in fin di vita,
quando la vita non mi sorrideva poi cosi tanto…

ma io ho solo visto il bello del dopo…,
e in questa vita,
qualcosa che si paragoni a ciò,
alla pace…
posso dire giacché vissuto,
che reca il nome Tuo.

Giovanni Rito Russo