" Piove "

 

Spade e lance conficcate nel seme mio,
nei silenzi e nervosismi che sono addolciti,
da questa musica,
ove regna sovrana la pace dentro me adesso,
asciugo ogni velo forzato di ferite.

Piove non tanto fuori,
bensì in me, che cocciuto vedo ancora soli,
vedo arcobaleni di luce nelle gocce che scendono,
a far male.

Ma che si può fare?

Bisogna respirare ed andare avanti,
ogni persona ha i suoi modi,
io i miei ,
ma non li cambierei con nessuno,
questa certezza mi deriva da una comprensione,
della vita che mi spetta di diritto.

Ciò che non riesce ad uccidermi mi tempra,
qualcuno scrisse una volta questo pensiero,
e forse dico forse aveva ragione.

Cio che non ti uccide ti fa crescere,
capita che anche le rondini si stanchino di annunciare,
la primavera.

Capita anche che qualcuno ti regali un sorriso,
non cercato.

La vita è un caos controllato,
da quella misteriosa forza dell'universo,
che io rivedo in un Dio.

Piove si,
ma vedo solo acqua che inaugura la vita,
vedo solo me che scrivo e mi diverto a pensarmi,
poeta e uomo.

Cosi insegno alla vita il mio modo di vivere.

Vogliatemi bene.

G.R.R.